Claudio Lodati - Marco Giaccaria: Lupi

music for improvising guitar and computing composition

Claudio Lodati: electric guitars

Marco Giaccaria: computer and recording devices

26 parts - total time: 48.01
All music composed by Claudio Lodati and Marco Giaccaria.
Computer's tracks composed and recorded in Grugliasco (TO) between january 2000 and july 2002 by Marco Giaccaria.
Guitars' improvisations recorded in Grugliasco (TO), august 2002 by Marco Giaccaria.
Mixed by Marco Giaccaria and Claudio Lodati.
Published as CD on december 2003 for Musica Mancina (GRCD38).

LUPI T.T.: 48.01 Claudio Lodati played: Marco Giaccaria played:
part: time: Fender Stratocaster: Gibson ES-150D: transcribed improvisation: fractal composition: looping: sequencing:
12.22Right channelLeft channel
21.03Center
31.03Right channelLeft channel
43.42Center1 L and 1 R
52.211L (E-bow) + 1R
61.45
70.224 from L to RImprovised editing
81.11Right channelLeft channel
94.53Right channelLeft channel
101.02Center
111.451 L and 1 R
120.26
131.05Right channelLeft channel
143.10Center
150.394 from L to RImprovised editing
161.01Right channelLeft channel
170.56Center
181.06Right channelLeft channel
193.52Right channelLeft channel
201.03
211.07Right channelLeft channel
223.41Center
231.16Center
241.59Center
254.13Center
260.56Center

 

In questo lavoro Marco Giaccaria compone esclusivamente con un approccio improvvisato utilizzando solo computer e campionamenti, mentre Claudio Lodati improvvisa con atteggiamenti compositivi.

Articolo tratto da "News Spettacolo" di Torino (5/11 dicembre 2003):

"LUPI" DI CLAUDIO LODATI E MARCO GIACCARIA (intervista di Francesca Ferrando)

È appena uscito "Lupi" (Musica Mancina, 2003), l'ultimo album di Claudio Lodati e Marco Giaccaria, che prende il titolo da un gioco di parole con l'inglese "loops". Lavoro innovativo e inusuale nel panorama musicale nostrano, sposa l'improvvisazione jazz di Claudio Lodati alle composizioni sperimentali - tutte elaborate al computer - di Marco Giaccaria. Entrambi i musicisti vantano alle spalle un lungo percorso artistico. Claudio Lodati, fondatore insieme a Carlo Actis Dato dell'Art Studio (1974) - gruppo storico del nuovo jazz italiano - è considerato uno dei chitarristi più originali dello scena italiana. Marco Giaccaria, poliedrico musicista torinese, ha ottenuto un ottimo riscontro di critica anche internazionale con il cd "Il mio cappello se ne è andato" (1992), e più recentemente con "Senza fissa dimora" (1998). L'artista spazia stilisticamente dalla musica antica fino a quella contemporanea colta, l'improvvisazione e musiche etniche in stile tradizionale: dalla musica araba all'indiana alla rinascimentale, senza tralasciare l'elettronica e il noise. Lupi è un lavoro di grande originalità, che congiunge atmosfere psichedeliche ad armonie free jazz. Newspettacolo ha intervistato per voi il progettista di questa interessante vicenda musicale: Marco Giaccaria.

Come nasce il tuo ultimo lavoro, 'Lupi'?

'Ho lavorato circa un paio d'anni creando, esclusivamente al computer, delle improvvisazioni con tecniche molto particolari. Per esempio, sono riuscito a passare in programmi di videoscrittura delle improvvisazioni musicali che avevo registrato, facendo un lavoro che si può paragonare all'artecettuale. Ho lavorato esclusivamente su calcolatore: non ho utilizzato nessun suono che non fosse generato sul mio pc. Ho tentato varie strade, ho fatto tutto ciò che un tecnico direbbe di non fare, eppure non ero ancora soddisfatto. Mi sembravano più che altro delle basi. Ho pensato allora di chiamare Claudio Lodati, che vi ha improvvisato sopra con una Fender e poi con una Gibson semiacustica'.

Un musicista di riferimento in questa tua ricerca artistica?

Tanti, ma in generale posso dire che Frank Zappa rappresenta per me un importante punto di riferimento. Musicista a tutto tondo, produttore di sè stesso, ha suonato generi musicali molto diversi tra di loro, decostruendoli e poi ricomponendoli a modo suo. Personalmente mi sento molto legato a lui ed alla sua vicenda musicale. In particolare mi riconosco in quella 'conceptual continuity' da lui teorizzata: tutto ciò che un artista crea è collegato. Ci sono dei brani che ho scritto molti anni fa: alcuni di quei temi ritornano anche in lavori recenti, ma completamente stravolti. La ricerca è una sorta di sintesi continua, per questo la gente non si dovrebbe stupire che un musicista si cimenti in generi musicali tanto diversi. lo, per esempio, vengo da una formazione classica. Mi sono diplomato in flauto, ho studiato violino per 5 anni. Sono in grado di comporre musica classica, ma parte integrante del mio percorso musicale sono le musiche etniche di tutto il mondo. Generalmente ogni 4/5 anni 'abbandono' una tradizione per scoprirne un'altra. Nel futuro mi piacerebbe molto avvicinarmi alla musica giapponese: lo shakuhachi è uno dei pochi flauti che non ho mai neppure preso in mano'.

Lupi - cover

Ascolta e acquista / listen and buy: